IT Service Managament | strategie di sopravvivenza aziendale

IT Service Management sopravvivenza aziendale IT Service Managament | strategie di sopravvivenza aziendaleCome trasformare la gestione dell’IT aziendale da lotta per la sopravvivenza a opportunità di crescita? Anche se analisti e istituti di ricerca parlano di un 2012 senza grandi iniezioni di fiducia rispetto all’anno precedente, le aziende possono tornare a correre sul mercato grazie a una gestione strategica delle risorse interne.
Lo scenario ICT nel 2012
Secondo Nielsen, la recessione ha contratto i consumi anche per l’anno in corso e imposto una gestione dei budget ancora più attenta da parte delle aziende, ora – in generale – ancora più parsimoniose a effettuare investimenti rischiosi e non remunerativi nel breve-medio periodo. Anche il mercato del lavoro è in fase di stagnazione, dice Confindustria, perché le aziende sono ancora molto vincolate a tagli sulle spese, che ne rallentano la crescita. In questo momento di ridimensionamento dei budget, alcuni segnali positivi arrivano dal settore ICT, in cui le aziende decidono di investire: Gartner prevede nel 2012 un aumento della spesa del 2,5% rispetto al 2011, con un giro d’affari di 3.750 miliardi di dollari a livello mondiale. L’ICT è dunque chiaramente identificata come una leva per mantenere performance e competitività.

Ma sorge un problema: da una parte, le imprese sono chiamate a investire sempre più in IT, ad esempio nelle sempre più pervasive applicazioni mobile, nel cloud computing, nella business intelligence, nelle unified communications e nel social media marketing, questo per non perdere terreno rispetto ai competitor e rimanere in linea con le evoluzioni tecnologiche; dall’altra, visto l’andamento congiunturale, hanno la necessità di sfruttare al massimo le risorse presenti in azienda per contenere i costi.

L’IT Service Management diventa strategico

Proprio in questo contesto, puntare sull’IT Service Management può rappresentare la risposta a esigenze contrapposte. La gestione ben calibrata, affidata a un professionista esterno, dell’intero insieme di servizi di assistenza operativa IT significa:

  • recuperare efficienza e, quindi, avvantaggiare le performance aziendali;
  • risparmiare risorse economiche a beneficio degli investimenti IT;
  • ottenere efficienza garantita dagli SLA assicurati da un professionista;
  • risparmiare risorse sul controllo della spesa effettiva per l’erogazione di ciascun servizio, che diventa scalabile e modulabile a partire dalle reali esigenze.

L’IT Service Management comprende attività eterogenee, spesso dispersive e poco quantificabili in azienda a livello di spesa, ma che, se affidate a un esterno, comportano vantaggi e costi certi e misurabili, che permettono la programmazione degli investimenti strategici con il budget a disposizione. Un servizio globale comprende:

  • i servizi di manutenzione del parco macchine;
  • il service desk tecnico e operativo all’utente in più lingue;
  • il supporto on-site a copertura nazionale o internazionale, nel momento effettivo del bisogno e senza risorse allocate per il cliente;
  • il servizio di staging per il set-up degli strumenti aziendali;
  • il disegno e la gestione ottimizzata del customer care e del back office.

Nuove risorse da investire

La possibilità di garantire un servizio di assistenza ai clienti di massimo livello e, allo stesso tempo, di tenere sotto controllo la spesa IT, permette ai CIO e ai responsabili IT di liberare i loro budget dai vincoli di costo. Le aziende potranno così:

  • investire in ricerca e sviluppo;
  • attivare nuove assunzioni;
  • avere risorse da cui attingere per entrare in altri mercati o in contesti internazionali.

Le imprese, quindi, non dovranno più focalizzarsi solo sull’innovazione tecnologica, ma potranno riconsiderare la qualità dei servizi che forniscono in chiave strategica, grazie a fornitori e consulenti di massima professionalità e affidabilità, per massimizzare la relazione con il cliente e mantenere un alto livello di competitività e performance sul mercato.

 

Giovanni Cuccuini | Public Relations Specialist




I commenti sono chiusi.